Tooscans
Tooscans
la-stecciaia-birrificio

La Stecciaia Birra Artigianale Toscana

 
Oggi vogliamo parlare di birra, della nostra irresistibile birra artigianale toscana prodotta dal birrificio “La Stecciaia”, un’eccellente testimonianza della qualità assoluta della nostra offerta. Ma prima di arrivare a Rapolano Terme, splendido borgo senese dove è ubicata l’azienda, qualche curiosità sulla fantastica storia della birra, dall’origine ai giorni nostri.

La storia della birra è vecchia come la storia della civiltà. Dalle fonti storiche in nostro possesso si può affermare che tutti i grandi popoli del passato conoscessero la birra dagli Egizi ai Babilonesi, dai Greci ai Romani. La birra, la cui nascita è probabilmente dovuta al caso, potrebbe aver avuto origine per una costante che contraddistingueva tutti i popoli dell’antichità ed era fonte di primario sostentamento: la coltivazione dei cerali. Una loro fermentazione spontanea, una volta posti nelle condizioni favorevoli, potrebbe aver fatto scoprire all’uomo la prima forma di birra rudimentale, lontanissimo parente dell’attuale bevanda che quotidianamente accompagna le nostre giornate.

Sull’origine della parola birra non vi è ancora certezza tra gli addetti ai lavori ma si ritiene che il termine potrebbe derivare dall’antico tedesco bior o beor, a sua volta figlio del termine latino biber, che significa bevanda. Giunta dal Medio Oriente alla Grecia, dove pare che perfino Platone ebbe ad affermare “deve essere stato un uomo saggio a inventare la birra”, nella penisola italica la sua produzione fu sviluppata dagli Etruschi che la diffusero presso i popoli confinanti, in primis i figli di Romolo. Questi ultimi, come ampiamente documentato, non furono entusiasti della scoperta della birra, considerata una bevanda barbara, adatta alle popolazioni germaniche, e continuarono così a prediligere il vino del dio Bacco. Proprio le popolazioni germaniche e celtiche, per la diffusione del consumo e lo sviluppo delle tecniche di produzione, divennero i principali produttori e promotori in Europa, caratteristica sicuramente mantenuta fino ai giorni nostri.

Venendo alla nostra storia più recente, dopo aver imperversato per decenni alcune aziende straniere che la facevano da padrone sul mercato nostrano delle birre, con proposte troppo commerciali e spesso altrettanto discutibili, a partire dalla metà gli anni ’90 dello scorso secolo alcuni piccoli ed illuminati produttori cominciarono ad offrire proposte di qualità e da quel momento, favoriti da una legislazione che a partire dal 1995 aveva reso legale la produzione di birra in casa a fini non commerciali, cominciarono a fiorire nuove esperienze e a formarsi i futuri birrai 100% “made in Italy”.

Dai popoli mesopotamici fino a Rapolano Terme, il passo è lungo, ma la protagonista di questa meravigliosa storia in fondo è sempre la stessa: la birra. Qui, a Rapolano Terme, nasce il birrificio La Stecciaia, “…nel suggestivo territorio delle Crete Senesi, zona conosciuta per i suoi paesaggi brulli, mossi da colline dolcemente ondulate, a vocazione prevalentemente agricola, dove la coltivazione dei cereali ha radici storiche profonde.” Si tratta del primo birrificio agricolo artigianale con certificazione biologica in Toscana e nasce all’interno dell’azienda agricola Podere del Pereto di Riva Isabella che dal 1995 coltiva cereali secondo il metodo biologico.

In questi territori, dove le spighe lasceranno presto il posto alle “stecce”, nascono birre genuine, fresche, corpose gustando le quali si riscoprono i sapori di cereali antichi. La caratteristica distintiva di questo birrificio, esempio concreto di assoluta ricerca di qualità, è la cura certosina dedicata ad ogni singolo momento del processo produttivo, dalla coltivazione di pregiate e antiche varietà di cereali alla selezione dei luppoli, dalla “cotta” all’affinamento in cella fredda. A “La Stecciaia” tutte le birre nascono nel rispetto e nell’esaltazione delle materie prime, in perenne ricerca di armonia ed equilibrio tra gli aromi e i sapori dei vari componenti.

Un tempo, i terreni dove oggi si sviluppa l’azienda erano proprietà di una delle grance del Santa Maria della Scala di Siena; si trattava di un complesso il cui patrimonio terriero era suddiviso in vaste fattorie e granai fortificati denominati grance, come quella di Serre di Rapolano, di cui il Podere del Pereto faceva parte. All’interno di queste antiche strutture, come suggerisce il nome, gli edifici più importanti erano senza dubbio i granai “ambienti di grandi dimensioni che al loro interno ospitavano stai, colatori, reti per setacciare i cereali, funi, ziri e casse”. 


 
Il birrificio “La Stecciaia” produce diverse varietà di birra, adatte a diversi tipi di palati e tutte di assoluta qualità.

Partiamo dalla Cocò, una birra biologica ad alta fermentazione, ispirata allo stile Blanche, “reinterpretato” con l’aggiunta di farro monococco e scorze di bergamotto che la rendono particolarmente rinfrescante. Moderatamente alcolica, rifermentata in bottiglia, non pastorizzata, non filtrata, di colore paglierino chiaro dal caratteristico aspetto leggermente torbido. Aroma di delicata dolcezza dei malti assieme a lievi note speziate di coriandolo e un leggero profumo agrumato. Il gusto dolce dei malti è ben bilanciato da quelli agrumati di bergamotto e speziati del coriandolo. Poco amara. Finale leggermente aspro. Corpo medio-leggero.Il risultato è una birra elegante, fresca e dissetante. Suggeriamo di gustarla come aperitivo rinfrescante oppure abbinata a salumi, carni bianche, pesce, formaggi freschi.

Ed ora la “Farzotta”, una birra biologica ad alta fermentazione, con l'aggiunta di farro, rifermentata in bottiglia, non pastorizzata, non filtrata, colore dorato carico. Al naso sentori di frutta bianca (pera, banana) e floreali. In bocca è delicata ed equilibrata, con note maltate e con la dolcezza apportata dal farro. Gasatura fine. Finale moderatamente luppolato. Adatta per antipasti o primi delicati, carni bianche, formaggi freschi oppure come aperitivo.

Passiamo alla “Senatrice”, una birra biologica ad alta fermentazione, con l'aggiunta della storica varietà di grano duro Senatore Cappelli, rifermentata in bottiglia, non pastorizzata, non filtrata. La ricetta si ispira allo stile "Saison" belga, storicamente prodotto nelle fattorie. Colore dorato, con schiuma abbondante. Al naso emergono sentori di chiodo di garofano, note agrumate e pepate. In bocca, note speziate e note citriche dovute al grano, per passare a quelle erbacee dei luppoli. Gasatura vivace. Finale secco e rinfrescante. Gli abbinamenti gastronomici che consigliamo sono gli antipasti di pesce (molluschi o crostacei), verdure, formaggi stagionati o di media stagionatura come il pecorino.

Eccoci alla “Mandarina B.”, una birra biologica ad alta fermentazione, con l’aggiunta di avena, ispirata allo stile Golden Ale, rifermentata in bottiglia, non pastorizzata, non filtrata. Dopo la fermentazione primaria viene effettuata una luppolatura a freddo eseguita con la varietà Mandarina Bavaria. Colore dorato, schiuma abbondante e pannosa. Al naso il profumo è agrumato, con lievi note erbacee. Al palato, si sentono inizialmente leggere note maltate per passare ad un finale rinfrescante con un amaro di discreta persistenza. Ideale per zuppe di cereali, crostacei, salumi, (prosciutto dolce, pancetta, ecc…) e scamorza affumicata.

Infine la “Kolonia Gluten Free”, una birra biologica in stile Kolsch, ibrida (lievito alta fermentazione a bassa temperatura) rifermentata in bottiglia, non pastorizzata, non filtrata. Certificata Senza Glutine Colore dorato chiaro, moderamente velato,schiuma bianca compatta.Al naso il profumo di cereale dolce e sottile aroma fruttato. Al palato gusto morbido e rotondo. Gusto di malto delicato con note fruttate sottili e deliziose. Amaro medio-basso. Finale particolarmente pulito e secco. Corpo leggero. Ottima come aperitivo rinfrescante oppure abbinata a salumi, pesce, carni bianche, insalate o formaggi molto freschi, pizza.

Le birre de “La Stecciaia” sono piccoli capolavori frutto della maestria di sapienti artigiani del piacere. Tutte rigorosamente biologiche ti aspettano per rinfrescare le tue serate arricchendo di qualità la tua tavola.

Viva la Toscana e viva la sua birra!


Condividi su:

Powered & Designed by Passepartout